ossola

Biancolatte - Crodo, 13-14 ottobre 2018

crodo12.jpg

BiancoLatte, manifestazione tipicamente autunnale in programma sabato 13 e domenica 14 ottobre a Crodo, è un vero tributo all’antica arte casearia delle nostre valli, due giorni dedicati alle tradizioni di queste terre alpine così ricche di fascino.

Un appuntamento che propone sapori autentici, frutto della maestria dei produttori locali, testimoni di una memoria contadina quanto mai importante ed attuale.

Vigevano_WEB.jpg

Sabato 13 ottobre due laboratori, il primo, “Cioccolatte”, dedicato ai più piccoli con cioccolato e latte protagonisti; il secondo, pensato appositamente per le famiglie, racconterà come nasce e si produce un formaggio (presso l’Istituto Agrario di Crodo).

Alle 18.15 un appuntamento speciale realizzato con la collaborazione di Enel Green Power e dell’Unione Montana Alta Ossola, la proiezione esclusiva del film “L’Amatore” dedicato a Piero Portaluppi, l’architetto che ha disegnato le splendide “cattedrali di pietra” della Val d’Ossola, le centrali idroelettriche protagoniste proprio sabato 13 ottobre di una giornata di aperture straordinarie a cura proprio di Enel Green Power.
L’evento nell’evento si chiama “Centrali d’autore” e dalle 10.30 alle 17.30 prevede l’apertura di quattro centrali idroelettriche (Crevoladossola, Verampio, Crego e Cadarese) progettate dal celebre architetto milanese.


crodo07.jpg

Domenica 14 ottobre molti gli eventi in programma. Dalle 10 alle 19 la mostra-mercato BIANCOLATTE, un tripudio di formaggi freschi, stagionati, tome pregiate e gustosi prodotti caseari, ma non solo. Erbe officinali, prodotti dell’orto, frutti e mieli per un viaggio lento a km 0 tra i sapori e profumi dell’alta Ossola, mentre nell’area esterna al Foro Boario si terranno piccoli tour in sella ai simpatici pony del DC Ranch.

Dalle ore 11 “Oro&Vino”, una degustazione guidata dell’oro d’Alta Ossola: formaggi e tome di piccoli produttori da degustare con i consigli dell’agronomo Gian Mauro Mottini e gli abbinamenti di vini ossolani.

170913_SARTORI_0181.jpg

Nel pomeriggio: escursioni in e-bike per scoprire le frazioni di montagna di Crodo, la marchiatura delle forme di Bettelmatt – il formaggio più celebre di queste valli – e l’esibizione di Biagio Bagini (scrittore e autore per Radio RAI) e Gian Luigi Carlone (Banda Osiris) con il loro coinvolgente Conciorto, in cui verdure e frutti autunnali diventano sorprendenti strumenti musicali.


Dalle 16.30 il via a “BiancoLatte – La merenda sinoira d’alta Ossola”, il percorso degustazione in dieci tappe in cui i formaggi e prodotti presenti nella mostra-mercato diventano protagonisti delle preparazioni gourmet degli chef di Cooking for Alp.


Alle ore 18 gran finale con l’esibizione dei Bersaglieri della Fanfara Valdossola a chiusura della manifestazione.



Ensemble Ottoni Antichi presso la Chiesa S.Gaudenzio di Baceno

Domani sera alle 21.00 si terrà il concerto di presentazione del Baceno Brass Festival 2015, con l'Ensemble Ottoni Antichi che si esibirà nel suggestivo quadro della Chiesa Parrocchiale S.Gaudenzio di Baceno. Il programma prevede musiche barocche suonate con copie di strumenti dell'epoca, le trombe naturali, così chiamate perché a differenza degli strumenti moderni non hanno pistoni, chiavi o tasti ma sono costituite semplicemente da un tubo metallico dotato di imboccatura e campana. Si esibiranno alla tromba naturale Emanuele Goggio, Tiziano Tettone, Matteo Macchia, Riccardo Cerutti e Paolo Sartori, insieme a Nico Ahmet (timpani) e Roberto Olzer (Organo).

Ricordiamo inoltre le altre date del Baceno Brass Festival: http://www.albergovecchioscarpone.com/blog/2015/7/8/baceno-brass-festival-i-concerti

La settimana più musicale dell'anno sta per iniziare, vi aspettiamo numerosi!



Cascata del Toce - Orari Estivi

Vista aerea della Cascata del Toce

Vista aerea della Cascata del Toce

Visitata ed amata da numerosi visitatori illustri come Richard Wagner, Gabriele D'Annunzio, la Regina Margherita, De Saussure e Stoppani, che hanno lasciato entusiastiche descrizioni di quella che veniva già definita la più bella cascata delle Alpi ciò che ha determinato la notorietà e la fama della Val Formazza insieme allo spettacolo delle montagne che che l'attorniano è stata certamente la Cascata del Toce. "La Più Bella , la più poderosa fra le cascate delle Alpi", un salto d'acqua di 143 metri per un fronte massimo, alla base, di 60 metri.

 

Il sentiero che la costeggia, di vera suggestione, è un tratto della via mercantile dal Gries che ha unito per secoli Milano e Berna mentre sulla sommità un fantastico punto d'osservazione è il balconcino in legno proteso sopra il salto d'acqua, accanto al celebre albergo costruito nel 1923 e progettato in stile Decò dall'architetto Piero Portaluppi, uno dei massimi esponenti dello stile architettonico.


Il Toce e la sua acqua non sono solo elemento di forte caratterizzazione del paesaggio formazzino: infatti da parecchi decenni la forza idrica viene sfruttata per la produzione idroelettrica, che è una dei pilastri dell'economia valligiana. Attualmente le acque del Toce vengono raccolte nel bacino di Morasco, a monte della cascata, e tramite una galleria e una condotta forzata raggiungono la centrale di Ponte dell'Enel per essere utilizzate nella produzione di energia elettrica.
La mano dell'uomo ha piegato la natura al proprio servizio ma nel contempo ha fatto una vittima illustre: la Cascata del Toce, per intuibili esigenze produttive, è visibile nella sua maestosità solo per brevi periodi nel corso dell'anno.
Ecco gli orari per l'estate 2015:

Dal 15 giugno 2015 al 20 settembre 2015:
feriali: 11.30 - 13.30
domeniche 10.00 - 16.00


08 agosto 2015: 11.30-13.30/20.00-23.00
Dal 8 al 12 agosto 2015 e dal 15 al 18 agosto 2015: 10.00 - 16.00
13 e 14 agosto 2015: 10.00 - 18.00
venerdì 28 agosto 2015: 8.00-10.00/11.30-13.30

E ora qualche numero:

La sommità del salto: 1675 mt.
Il piede del salto: 1532 mt.
Altezza del salto: 143 mt.
Reclinamento roccioso: 200 mt.
Fiocco d'acqua all'orlo: 20 mt.
La larghezza alla base: 60 mt.

Ossola Climbing - Esigo

 

Grazia Menu su Havana Club, 7b

Per il climber in fuga dalla calura estiva, Esigo è la falesia perfetta, nata per mano dell'onnipresente Maurizio Pellizzon e di Luigi Turchetto proprio per soddisfare le voglie arrampicatorie dei climber accaldati. Immersa in un bel bosco di abeti rossi, la parete di granito compatto è attrezzata a fix inox ed è praticamente sempre in ombra, permettendo l'arrampicata anche durante le giornate più calde.

L'arrampicata varia da placche tecniche a strapiombi atletici, con una grande varietà di tacche e fessure, e la difficoltà varia dal 5c all'8a. Tra i tiri più belli segnaliamo:

Paolo Stoppini su Anaconda, 7a

  • VIRGO 6a: muro verticale tecnico seguito da una lunga fessura

  • IL CAIMANO 6b: fessura/camino

  • DANZA DELLE STREGHE 6b+: diedro tecnico

  • CENTAURO L1 6c: bellissima fessura; L2 8a

  • IN GOGLIO 6c: placca verticale tecnica

  • ANACONDA L1 7a, L2 7b: bellissimo tiro con passi in fessura e singoli da non sottovalutare

  • GAS GAS 7b+: strapiombo tecnico


ACCESSO: da Baceno si prosegue per 2 km in direzione Croveo e quindi per circa 3km per l'Alpe Devero. Subito dopo aver attraversato il terzo ponte parcheggiare nello spiazzo antistante la sbarra arancione e proseguire a piedi lungo la strada consortile che porta all'Alpe Esigo. Dopo circa 500mt a piedi si incontra sulla destra una mulattiera con l'indicazione per Goglio che in pochi minuti porta alla base della falesia (totale a piedi 10min).

PERIODO IDEALE: vista l'esposizione, la falesia è frequentabile dalla primavera inoltrata a metà autunno, evitando le giornate troppo fredde. Nessun problema invece nelle calde giornate estive.